4   64
0   58
0   74
1   72
1   66
11   98
1   101
2   40
8   103
3   75

Focaccia di Locatelli

La focaccia di Locatelli è presente quasi in ogni foodblog e quindi vi chiederete voi, perchè mai ce la propini anche tu? Beh, si è conquistata un posto tra queste pagine semplicemente perchè è stata il ‘piatto’ che ho cucinato più spesso quest’anno, e non esagero se dico che l’ho rifatta almeno una ventina di volte.
Mi ha accompagnata durante feste di compleanno di piccoli mostriciattoli, serate pigre a casa, vacanze in trasferta…insomma, se non l’avete mai fatta dovete assolutamente provarla!
Tutti a far la spesa!  ah, e non dimenticate un pò di mortadella fresca per farcirla! :)

Se volete saperne di più sulla storia di questa focaccia, cliccate qui

Focaccia di Locatelli:

– 250 gr di farina manitoba
– 250 gr di farina 00
– 15 gr di lievito di birra
– 300 ml di acqua (la ricetta originale ne prevede 225, ma per me sono sempre stati pochi, vi consiglio di aggiungerne di più poco alla volta in modo da regolarvi, dovrete ottenere un composto che si gira col cucchiaio)
– un cucchiaino di sale
– 2 cucchiai di olio extravergine di oliva

per la salamoia:
– 65 ml di acqua
– 65 ml di olio
– 3 cucchiaini di sale

 

Mescolare tutti gli ingredienti della salamoia, emulsionarli con una forchetta  fino a ottenere un liquido cremoso e omogeneo, e tenere da parte.
In una ciotola capiente, mescolare le farine e il sale, versare al centro l’olio e il lievito sciolto nell’acqua e mescolare bene il tutto con un cucchiaio.
Aggiungere altra acqua se necessario, il composto deve risultare morbido.
Ungere la superficie dell’impasto (senza averlo impastato) con poco olio e lasciar riposare, coprendo la ciotola con un panno, per 10 minuti.
Ungere poi una teglia da forno, rivestirla di carta forno e spennellarla d’olio, riversarci l’impasto, ungere di nuovo leggermente la superficie e lasciar riposare per 10 minuti.
Poi, con il dorso di un cucchiaio bagnato, partendo dal centro, stendere leggermente la focaccia, una volta verso il basso, e una volta  verso l’alto, senza premere troppo.
Lasciar riposare per 20 minuti.
A questo punto, con la punta delle dita inumidite, formare tanti bucchetti sulla superficie dell’impasto e versare la salamoia   sulla focaccia.
Lasciar riposare di nuovo per 20 minuti.
Infornare il tutto a forno già caldo a 220°C, lasciando cuocere per 25-30 minuti o finché la focaccia non sia dorata.
Io a questo punto la giro sotto sopra e la faccio dorare 5-6 minuti anche sul fondo.
Lasciar intiepidire su una griglia prima di servire.

Follow:
Cristina Vaghi
Cristina Vaghi

Cristina
Foodblogger e pasticcera professionista.
Creo contenuti digital e sul blog condivido le mie ricette di tutti i giorni, con trucchi e consigli per una cucina alla portata di tutti.

Find me on: Web | Twitter | Facebook

Share:

13 Comments

  1. Paolo
    5 Marzo, 2013 / 14:26

    … O quella con la ricotta??? Dubbio amletico.

  2. Paolo
    5 Marzo, 2013 / 14:26

    Ma solo a me non è venuta?

    Eppure mi ci diletto (da dilettante) un pò con impastati e lievitati (la pizza alla Bonci mi viene buona buona).
    Questa focaccia invece no. E’ venuta bassa e dura. Il dubbio che ho è che, facendo un poco freddino i tempi di riposo non siano bastati.
    Proverò a breve quella allo yougurt per rifarmi.

    • Cristina
      Autore
      5 Marzo, 2013 / 14:26

      mmm Paolo, che strano!
      controllo la ricetta per vedere se ci sono errori, eppure l’ho fatta molte volte.
      Può anche darsi che i tempi di riposo non siano bastati, se fai una seconda prova fammi sapere :)

      • Paolo
        5 Marzo, 2013 / 14:26

        Ti faro sapere. L’unica cosa differente rispetto alla ricetta è l’aver aggiunto il sale dopo, con l’ultima parte di acqua per evitare troppo contatto col lievito.

        Mah, vedremo, anche se la prossima della lista è quella con lo yogurt greco :D

        • Cristina
          Autore
          5 Marzo, 2013 / 14:26

          Ah quella con lo yogurt greco a me ha dato davvero grandissima soddisfazione! Viene bella morbida! Fammi sapere se la provi, visto che un di lievitati te ne intendi mi farebbe molto piacere sapere il tuo parere, consigli e critiche sono sempre ben accetti!:)
          Quella con la ricotta l’ho fatta parecchio tempo fa (come si può evincere dalla foto diciamo così ‘creativa’ :)), ma anche quella veniva soffice soffice.
          Io poi ho un debole per la focaccia, questo week end se riesco ne preparo una al limone e rosmarino che mi tenta da un po’!

          • Paolo
            6 Marzo, 2013 / 14:26

            Beh, dire che me ne intendo di lievitati è un pò troppo. Solo da 3 o 4 mesi sono passato dalla pizza con farinaO+cubetto di birra e lievitazione corta a manitoba+farro+semola+uno sputo di lievito e lievitazione lunga :D
            Cmq ho notato che quella alla ricotta è vecchiotta, le foto sono molto migliorate, complimenti pure per quelle.
            Anche di fotografia mi diletto da dilettante e devo dire che alcuni foodbloggers “spaccano” di brutto con le foto. Come te x esempio.

          • Cristina
            Autore
            6 Marzo, 2013 / 14:26

            Grazie Paolo, sei davvero molto gentile!
            mi fa piacere sapere che le mie foto ti piacciano, anche se non credo che ‘spacchino’ :) ahahaha
            Cmq dai dalla foto della focaccia alla ricotta ci sono stati dei miglioramenti…e meno male!! :)
            Aspetto tue notizie sui prossimi lievitati in programma!
            A presto

  3. Ross
    18 Settembre, 2011 / 14:26

    Provata ieri sera con amici è sparita in un attimo! Doppia dose e tanta mortadella! Mi hanno chiesto di rifarla prestissimo ::)Baci

  4. 16 Settembre, 2011 / 14:26

    Ecco..io arrivo sempre ultima..com’è che ancora non l’ho fatta..??..mi hai invogliata!..devo proprio farla anche perchè le focacce mi piacciono proprio!
    Fame Fame!!!

  5. 15 Settembre, 2011 / 14:26

    La mia preferita! Mi viene richiesta a cadenza periodica =)

  6. 14 Settembre, 2011 / 14:26

    Fatta e provata, sono d’accordo con te….ne vale proprio la pena…baci….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.