240 posts by Cristina

tartufi al cioccolato 2 Tartufi al cioccolato fondente e tè nero

Da lunedì a dieta. (risate registrate)
E infatti oggi è mercoledì, quindi se non altro abbiamo ancora 5 o 6 giorni per poter cucinare – e mangiare – un sacco di cose ad alto tasso calorico, cominciando da questi tartufi al cioccolato ;)
Io ho preso spunto da questa ricetta, e non avendo il tè bianco,  ho aromatizzato i miei tartufi al cioccolato con un buonissimo tè nero all’ananas e mango (grazie Alice :)) ma voi potete aromatizzarli al gusto che preferite, o anche decidere per una versione classica, solo al cioccolato.
Se non amate il cioccolato fondente, potete anche optare per una versione al latte, o  per metà dose di cioccolato al latte e metà fondente, in modo da avere dei cioccolatini un po’ più dolci, ma questo dipende solo dai vostri gusti :)

Insomma, come al solito le personalizzazioni sono infinite, vi consiglio solo di farli perchè sono super buoni, occhio però che uno tira l’altro…

Tartufi al cioccolato fondente e tè nero
 
Ingredients
  • per circa 30 tartufi
  • 500 g di cioccolato fondente
  • 250 g di panna fresca
  • 50 g di burro
  • 3 cucchiai di foglie di tè (il mio era nero all'anans e mango)
  • Cacao amaro in polvere
Instructions
  1. Tritate grossolanamente il cioccolato fondente e mettetelo in una ciotola capiente.
  2. In una pentolino mettete la panna e le foglie di tè e portate ad ebollizione, girando spesso con una spatola.
  3. Spegnete il fuoco e lasciate in infusione per un'ora.
  4. Con un colino a maglie fitte filtrate la panna, eliminando le foglie di tè.
  5. Mettete ora la panna filtrata in un pentolino, assieme al burro e portate a ebollizione.
  6. Spegnete il fuoco e versate il composto nella ciotola con il cioccolato, mescolate bene fino ad ottenere un composto liscio e ben amalgamato. (Se rimane del cioccolato non amalgamato, ponete la ciotola a bagnomaria e mescolate fino ad ottenere una ganache omogenea).
  7. Fate raffreddare a temperatura ambiente, mescolando di tanto in tanto, poi coprite con della pellicola e ponete in frigorifero per un paio d'ore o comunque fino a quando la ganache diventa abbastanza solida.
  8. Tirate fuori la ganache dal frigo, con un cucchiaino prelevate tante porzioni e dategli velocemente la forma di palline irregolari (sporcatevi le mani con del cacao amaro in modo da non farli attaccare.)
  9. Disponete i tartufi su un vassoio e fate raffreddare in frigorifero per circa 30 minuti.
  10. Mettete infine il cacao in polvere in un piatto fondo, prendete i tartufi uno alla volta e rotolateli nel cacao.
  11. Disponeteli di nuovo in frigorifero fino al momento di servire.

 

I tartufi al cioccolato  fondente non hanno soddisfatto la vostra voglia di dolce?
Qui trovate qualche altra ricetta che fa per voi:
- crostata con mousse al cioccolato
- torta alle pere, mandorle e gocce di cioccolato
- brownies al cioccolato fondente e marmellata di lamponi
- tortini al caffè con glassa al cioccolato

———————————————————————————————————————-
E prima di lasciarvi, la mia consueta lista di link a cui dare un’occhiata :)

- canzone del giorno: Classic  The Knoks feat Powers
-  sito da perdere la testa: Mr Wonderful  *_*
- un foodblog che mi piace –> Bijoux
- un regalo che ho molto apprezzato –> Scrub alla vaniglia
- la mia dose quotidiana di risate –> Boris
- i tweet più belli li leggo qui  –> @azael + @esterviola
- un posticino nuovo da provare –> Papagayo Cafè
- una ricetta da fare al più presto –> Panbrioche de Il gambero russo

8 febbraio, 2015

Panini da buffet

Written by Posted in antipasti Comments 2

panini buffet Panini da buffet

Non stupitevi se vi faccio gli auguri di buon anno solo oggi, in fondo è passato poco più di un mese dal 2015 e quasi due dall’ultima volta che mi sono fatta viva da queste parti.
Vi dico solo che come screensaver del telefono ho ancora il calendario di novembre… quindi i livelli di disagio sono tendenzialmente alti.
Detto questo, ci siamo lasciati coi carboidrati, e coi carboidrati ci ritroviamo.
D’altronde io sono una persona abbastanza abitudinaria, anche se in questo ultimo periodo non si direbbe.
Spero nessuno si aspetti una svolta salutistica in questo blog perché tanto io la lista dei buoni propositi non l’ho fatta e non ho nessuna intenzione di farla :)

Quindi diciamo tutti insieme no a Valsoia e sì ai carboidrati, alla cioccolata, ai fritti, alle brioches e a tutte quelle cose che negheremo di aver mangiato quando a luglio tutti i costumi ci andranno irrimediabilmente stretti.
Ma alla prova costume ci penseremo poi…per oggi ci godiamo questi deliziosi panini da buffet, che per il momento mi tocca solo ricordare, ma che hanno riscosso abbastanza successo qualche tempo fa.
L’ispirazione per la ricetta arriva da qui 

Panini da buffet
 
Ingredients
  • 250 g di farina 00
  • 250 g di manitoba
  • una bustina di lievito di birra disidratato
  • 3 tuorli
  • 60 g di burro
  • 30 g di zucchero
  • 10 g sale
  • 1 cucchiaino di miele
  • 270 g di latte
  • per decorare: semi di sesamo, semi di girasole, semi di papavero
Instructions
  1. Intiepidire il latte e scioglievi dentroil lievito e il miele. Lasciar riposare 10 minuti, e nel frattempo setacciare insieme le due farine.
  2. Mettete la farina e il lievito in una ciotola, aggiungete il latte e il miele e mescolate fino al completo assorbimento.
  3. Aggiungere lo zucchero, il sale, i tuorli uno alla volta e infine il burro morbido a pezzettini e impastate bene, a mano o aiutandovi con l'impastatrice.
  4. Formate una palla e ponete a lievitare per almeno 1 ora, 1 ora e mezza in una ciotola, coprendo con un panno inumidito.
  5. Riprendete l'impasto, ponetelo sulla spianatoia infarinata e sgonfiatelo con le mani.
  6. Ricavate tanti pezzettini da 35 grammi l'uno e formate i panini, rotolando l'impasto tra le mani.
  7. Ricoprite una teglia di carta forno e adagiatevi i panini.
  8. Fate lievitare per circa un'ora.
  9. Spennellate i panini con del tuorlo o del latte, aggiungete i semi in superficie e infornate a 180° per circa 20 minuti.

 

Prima di salutarvi, la mia ormai consueta lista di links da non perdere:

- La  giornata del social coso imbruttito –> se lavorate in ambito marketing e comunicazione vi sfido a non riconoscervi in almeno la metà delle cose ;) con una buona dose di vergogna ovviamente.
-  canzone del momento  ♫  ”From Eden”  ♫ di Hozier
- localini deliziosi e kebab migliore di sempre –> Mariù kebabberia gastronomica

torta di rose Torta di rose

Altro post, altra torta.
Arriveranno le insalate, ma saranno nel blog di qualcun altro ;)
Per affrontare questa settimana che mi sembra bella densa di impegni, questo freddo che sta arrivando e per sopravvivere a tutta una serie di deliri pre natalizi (alzi la mano chi non ha in programma 3 aperitivi, 7 cene, un paio di colazioni,  riffe, tombolate, mercanti in fiera ecc..) io direi che una buona dose di zuccheri è quantomeno necessaria.
E quindi una bella torta di pasta brioche, ripiena (nel mio caso) di marmellata di castagne e ricoperta di mandorle e zucchero, ci sta tutta.
Se per caso non vi piacciono castagne e/o mandorle, potete provarla anche con la vostra marmellata preferita, o con una dose (generosa mi raccomando) di crema al cioccolato, o perché no semplicemente riempita con uno strato di burro e zucchero.
Insomma, fatela un po’ come vi pare, ma fatela perché vi assicuro che merita.
Se poi avete anche del tempo a disposizione, vi consiglio come sempre di fare una lievitazione lunga (8h in frigo) l’impasto ne guadagnerà in morbidezza e digeribilità.
Se invece non avete tempo a disposizione, o siete troppo affamati, un paio di ore per la lievitazione saranno sufficienti.

Torta di rose
 
Ingredients
  • 600 g di farina 00
  • 3 uova
  • 120 g di burro
  • 120 g di zucchero
  • 150 ml di latte
  • un cubetto di lievito di birra fresco
  • i semi di mezza bacca di vaniglia
  • per farcire e decorare
  • crema di castagne
  • mandorle a lamelle
  • zuccherini
  • zucchero a velo
Instructions
  1. Sciogliete il lievito nel latte con un cucchiaio di zucchero. Mescolate bene e lasciate lievitare per circa 20 minuti.
  2. Setacciate la farina in una ciotola, e aggiungete il sale, i semi di vaniglia e lo zucchero.
  3. Al centro rompete le uova e iniziate a impastare.
  4. Aggiungete il burro morbido e continuate a impastare fino a formare un impasto liscio e morbido.
  5. Lasciate lievitare fino al raddoppio.
  6. Riprendete l'impasto, sgonfiatelo leggermente e adagiatelo su un piano di lavoro infarinato.
  7. Stendetelo con l'aiuto del mattarello fino ad ottenere un rettangolo dello spessore di mezzo cm.
  8. Spalmate la crema di castagne su tutta la superficie e arrotolate l'impasto su se stesso partendo dal lato lungo.
  9. Con un coltello molto affilato tagliate delle fette di circa 5 cm e posizionatele in una teglia (imburrata e infarinata).
  10. Lasciate lievitare fino al raddoppio.
  11. Decorate la superficie con mandorle a lamelle e zuccherini, e infornate in forno caldo a 180° per circa 40-45 minuti.
  12. Fate raffreddare, decorate con zucchero a velo e servite.

 

E per concludere, la mia consueta piccola e meravigliosa serie di link consigliati:

Musica:  ♪ ”Leave me while i’m not looking” ♫ Paloma Faith
Una ricetta da provarehttp://www.loveandlemons.com/2014/12/08/cranberry-pistachio-chocolate-bark/
Post da leggere:
Caro Babbo Natale
Vieni a vivere a Milano, sopra i 40 Piazzale Aquileia
Momento novità: ho aperto il mio piccolo shop depop: troverete tanti accessori da cucina, piatti, bicchieri, ciotole, libri da cucina, tovagliette e molto altro…. passate a dare un’occhiata ;) –> http://www.depop.com/it/zuccheroesale

IMG 9292 Torta di rose

25 novembre, 2014

Pane senza impasto

Written by Posted in pane Comments 2

 pane senza impasto1 Pane senza impasto

 

Per fare una pausa tra un dolce e l’altro, che altrimenti può sembrare che io sia sull’orlo del diabete (giuro che non è così!), oggi facciamo una variazione e andiamo ad affrontare un altro dei miei argomenti preferiti: la panificazione.
Si perché non c’è proprio niente che mi rilassi e mi dia più soddisfazione, in ambito culinario ovviamente :), del vedere un impasto che cresce e si trasforma.

E poi non so se avete mai assaggiato del pane caldo…ecco, solo questo dovrebbe essere in grado di farvi lasciare qualsiasi attività stiate svolgendo in questo momento, per andare ad impastare.
La cosa bella di questa ricetta poi è che in realtà non si deve nemmeno impastare.
Proprio così, questo è un pane che si fa da solo, e il risultato è una di quelle belle pagnotte rustiche, con la crosta croccante e con l’interno morbido e alveolato.
Per la ricetta ho preso spunto da qui, ho solo variato la farina e ridotto le dosi di lievito (non ho usato quello fresco, ma quello disidratato)

Pane senza impasto
 
Ingredients
  • 500g di farina 0 (io ho usato la metà farina 0 e metà di kamut)
  • 340g di acqua tiepida
  • 2g di lievito di birra disidratato
  • 10g di sale
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
Instructions
  1. in un contenitore capiente mescolate la farina,il lievito e il sale. Unite l'acqua e la farina e mescolate con un cucchiaio.
  2. Chiudete il contenitore con il coperchio e riponete il tutto in frigorifero da un minimo di 12 ore a un massimo di 24.
  3. Trascorso questo tempo, infarinate abbondantemente il piano di lavoro di lavoro e versateci l'impasto avendo cura di non sgonfiarlo troppo.
  4. Infarinatevi le mani e schiacciate l'impasto a formare un rettangolo, e iniziate a fare le pieghe: tirate e piegate il lato destro del rettangolo verso il centro, per poi sovrapporgli il lato sinistro.
  5. Ruotate ora l'impasto di 90° e ripetete le pieghe.
  6. Capovolgete l'impasto in modo che le pieghe stiano sotto e adagiate la pagnotta in uno strofinaccio bene infarinato.
  7. Infarinate anche la superficie della pagnotta e chiudete lo strofinaccio ripiegando tutti i lembi verso il centro.
  8. Lasciate riposare per circa 30 minuti.
  9. Accendete il forno al massimo (250°) mettendo al suo interno una pentola con il suo coperchio.
  10. Quando il forno sarà arrivato a temperatura, togliete il coperchio alla pentola, aprite i lembi dello strofinaccio e adagiate la pagnotta nella casseruola.
  11. Richiudete con il coperchio e lasciate cuocere per 25 minuti.
  12. Togliete il coperchio e continuate la cottura per altri 10-15 minuti.

 

————————————————————————————————————————–

Anche oggi vi lascio con una piccola serie di ispirazioni di cose bellissime:
- Music of the day  ♪ ”Take me to church” di Hozier ♫
- per farvi ispirare   Little snob thing – Heartbeats
- per trovare ricette vegetariane per il giorno del ringraziamento, e non solo –> Naturally Ella
-
per felpette belle belle in modo assurdo: Peter & Wendy 
- posticini deliziosi dove fare colazione a Roma: Necci dal 1924 

 

 

 

doughnuts 940x1410 Doughnuts

Avevo detto che sarei tornata a scrivere più spesso, e sto cercando di mantenere la promessa.
Certo, non è che sia poi così difficile scrivere più di un post al mese eh, però diciamo che la mia lunga lista di buoni propostiti inizia anche da qui.
È anche vero che mettere la parola buoni propositi vicino ad una foto di ciambelle fritte lascia un po’ perplessi, ma hey! queste sono al forno…come sgarro vale meno, ok? E poi cmq in ogni caso ho deciso che della coerenza ne parliamo un’altra volta.

Io intanto il mio piccolo passettino l’ho fatto, poi certo dovrei anche sistemare l’armadio, iniziare ad andare a dormire presto, smetterla di mangiare schifezze, ricominciare a correre, e tutta una serie di altre cose, grandi e piccole…E voi, avete già iniziato a stilare la lista dei buoni propositi? Io non è che sono in anticipo, sia  ben chiaro, sto ancora cercando di mettermi a pari con quelli dell’anno scorso :P

Ma parlando di cose serie, cosa c’è da mangiare? (semicit).
La ricetta di oggi viene da qui, rispetto all’originale io ho solo diminuito il lievito a 2g, e prolungato la lievitazione (in frigo) per tutta la notte, ma se non avete molto tempo a disposizione potete seguire le indicazioni originali e verrà benissimo lo stesso!

Doughnuts
 
Ingredients
  • 1 uovo a temperatura ambiente
  • 225 ml di latte intero tiepido
  • 60 g di zucchero semolato
  • 450 g di farina 00
  • 7g di lievito di birra disidratato
  • 100 g di burro a temperatura ambiente
  • 2 cucchiaini di estratto di vaniglia (o i semi di ½ bacca)
  • 1 pizzico di sale
  • burro fuso e zucchero semolato q.b.
Instructions
  1. Sbattete in una ciotola l’uovo, aggiungete il latte, lo zucchero, l’estratto di vaniglia e il sale e mescolate bene il tutto.
  2. Aggiungete circa ⅔ della farina assieme al lievito, e impastate a mano, o con l'impastatrice e a bassa velocità fino a quando l’impasto non risulterà omogeneo.
  3. Aggiungete ora il burro tagliato a cubetti, e impastate fino a quando l’impasto non l'avrà assorbito completamente.
  4. Aggiungete infine la farina rimanente, un po’ per volta.
  5. Versate l’impasto sulla spianatoia leggermente infarinata e lavoratelo brevemente, fino a quando non si attaccherà più alle mani.
  6. Trasferite l’impasto in un recipiente leggermente unto, coprire con uno strofinaccio umido e lasciate lievitare in un luogo tiepido fino al raddoppio (un ora/un'ora e mezza).
  7. Sgonfiate l’impasto e stendetelo ad uno spessore di circa 1 cm o poco più, con un coppa pasta ricavate i doughnuts e bucateli al centro utilizzando un utilizzando un coppa pasta più piccolo.
  8. Sistemateli ben distanziati sulle teglie rivestite di carta forno.
  9. Coprite con pellicola e fate lievitare fino al raddoppio (almeno 30 minuti)
  10. Cuoceteli per circa 8 minuti 200°C, per circa 6-8 minuti, o fino a che non saranno dorati.
  11. Sfornateli, spennellateli con il burro fuso e passateli nello zucchero semolato prima di servire.
  12. Una volta cotti, spennellare subito con un velo di burro fuso e passare in abbondante zucchero semolato.

 

 

torta di mele e grano saraceno 2 940x1410 Torta di mele  e grano saraceno

A volte ritornano….eh sì, dopo aver fatto passare di nuovo più di un mese (come è stato possibile? come?) sono tornata, e tanto per cambiare torno con una torta. Nello specifico una torta di mele e grano saraceno, che fa proprio tanto comfort food, perfetta  con una pallina di gelato alla vaniglia, o panna montata per le domeniche da passare sul divano o semplicemente insieme ad una tazza di latte per la colazione veloce della settimana.

Del perché io posti sempre dolci ne parleremo un’altra volta, anche se stavolta ci sta tutto, perché qui cari miei si festeggiano 5 anni di blog (che probabilmente da brava mamma italica dovrei contare in mesi…) e per l’occasione, non so se ve ne siete accorti, ma ci siamo rifatti un pochino il look. Di cose da sistemare ce ne sono ancora molte, ma devo dire che come inizio non mi dispiace. Sentivo un po’ il bisogno di dare una rinfrescata, ho davvero voglia di novità e ho deciso di cominciare da qui ;) Per commenti, consigli e critiche c’è tutto lo spazio che volete, io intanto vi lascio la ricetta.

Torta di mele e grano saraceno
 
Ingredients
  • 150 gr di zucchero
  • 3 uova
  • 150 g di farina 00
  • 150 g di farina di grano saraceno
  • la buccia di un limone non trattato
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 bicchiere di latte
  • 1 bicchiere di olio di semi
  • 1 mela
Instructions
  1. Per prima cosa montate le uova con lo zucchero e la buccia di limone fino a che siano bianche e spumose.
  2. Aggiungete il latte e l'olio e mescolate bene.
  3. Aggiungete ora le farina setacciate insieme al lievito e mescolate bene con una spatola fino al completo assorbimento.
  4. Imburrate e infarinate uno stampo da 22 cm di diametro, versate l'impasto all'interno, decorate con la mela tagliata a fettine e cuocete in forno caldo a 180° per 35-40 minuti.
  5. Fate raffreddare, aggiungete lo zucchero a velo e servite

E prima di lasciarvi, come ormai di consueto trovate di seguito un piccolo elenco di cose bellissime (secondo il mio modesto parere):
- Vanilla bakery ha le brioche più buone del mondo e io ne ho avuto la prova qui e qui
- Gino Sorbillo ha aperto una pizzeria a Milano (e io ci voglio andare)
- Musica del momento: Take Care Florence & The machine
- Qui uno dei miei fashion blog preferiti
- Una ricetta che vorrei provare: Pumpkin spice latte
- Un libro che mi piace molto

 

P.s. Ancora voglia di torta di mele? Sul blog ne trovate tantissime!
Torta di mele e cocco
Torta di mele e noci
Torta di farro integrale, con mel uvetta e cannella
Torta di mele e noci pecan
 Treccia di pane dolce con mele, uvetta e cannella

torta allo yogurt e limone 2 940x1410 Torta allo yogurt e limone

 Sono passati  di nuovo quasi due mesi dall’ultimo post, e probabilmente sono anche passati quasi due mesi dall’ultima volta in cui ho cucinato qualcosa che andasse più verso il concetto di cucina e meno verso il concetto di ‘afferra un cracker, mettici sopra dell’affettato e mangia’.

Ultimamente infatti la cucina mi ha vista davvero pochissimo, se non per sporadiche incursioni.
Ho per lo più mangiato piatti cucinati da altri, ho mangiato spesso fuori, ho saltato spesso i pasti –> Ciao mamma non leggere/Ciao yogurt mi avete salvato la vita più volte :)

D’altronde il tempo è sempre pochissimo, e spesso non ho tempo o voglia di fotografare quel poco che faccio, per cui questo povero blog è un po’ abbandonato.
Sono molto più attiva sugli altri canali (twitter e instagram in primis) per cui se proprio sentite fortissimo la mia mancanza (ah ah) potete trovarmi di là.

Detto questo,  ieri mi sono fatta coraggio e ho recuperato in una sola sessione svariati mesi di pigrizia, per cui probabilmente vedrete presto su queste pagine nuove ricetta.
Inizio oggi con una torta semplicissima, da colazione, di quelle che piacciono a me, dolce e soffice, profumata di vaniglia e limone.
Perchè è così che si ricomincia, no? Con le cose semplici, quelle che ti fanno sentire a casa, che sanno di buono, proprio come certe persone.

L’ispirazione  per la ricetta arriva da qui

 

Torta allo yogurt e limone
 
Ingredients
  • 150 g di burro
  • 200 g di zucchero
  • 3 uova
  • la buccia di un limone non trattato
  • 300 g di yogurt alla vaniglia (o bianco)
  • 300 gr farina
  • 1 bustina di lievito per dolci
Instructions
  1. Lavorate il burro ammorbidito con lo zucchero e la buccia di limone fino ad ottenere un composto chiaro e cremoso.
  2. Aggiungete le uova una alla volta e fatele assorbire all’impasto molto bene prima di aggiungere la successiva.
  3. Unite anche lo yogurt e mescolate.
  4. Aggiungete poi la farina e il lievito setacciati.
  5. Versate l’impasto in uno stampo da 24 cm, precedentemente imburrato e infarinato, e cuocete in forno caldo a 180° per 35-40 minuti circa.
  6. Lasciate raffreddare e ricoprite con zucchero a velo.

 

E visto che si parla di ritorni e di nuovi inizi, voglio provare a riempire tutti i prossimi post con qualcosa di nuovo, con segnalazioni di cose belle (secondo il mio oggettivissimo parere).

Qui un foodblog che mi piace guardare: Love and Lemons
Qui la mia canzone preferita del periodo:  ♪  Sam Smith – Nirvana  ♫
Qui una poesia che mi piace un bel po’: “Tutto sbagliato”
Qui un posticino dove si mangia molto bene a Milano: Osteria al Nove
Qui è dove vorrei andare presto per uno spritz + tramezzino come si deve: Tramè
Qui un bellissimo fotopost sulla Sicilia, che mi ricorda tanto l’estate http://www.mylifelovefood.com/2014/09/a-tour-of-sicily.html
Qui il caffè come piace a me http://vanigliacooking.blogspot.it/2014/10/la-non-ricetta-delle-vacanze-del-lunedi.html
Qui un negozietto Etsy dove vorrei comprare tipo tutto: Il gatto goloso

 

 

 

 

 

 

 

 

pancake 940x1410 Pancakes al latticello

Per tornare attiva sul blog dopo due mesi(!) ho deciso di sfidare tutte le leggi del SEO, del SEM, del ranking e anche di sta ceppa di niente e quindi vi beccate una bella ricetta proprio oggi che siete  sicuramente tutti al mare e non ve ne può fregare di meno, ma tant’è.
Ultimamente il tempo da dedicare al blog e alla cucina è stato direttamente proporzionale al tempo libero che avevo e cioè zero, quindi ora che sono in vacanza ho deciso di rimettermi in pari e sto tipo cucinando senza sosta e per un reggimento, quindi se proprio non avete voglia di cliccare sul link, almeno venite a mangiare che sta roba non so più dove metterla :)

Scherzi a parte, sto davvero cucinando molto più di prima, e continuo con il mio amore incondizionato per le colazioni/piccole merende.
Oggi ho preparato dei semplicissimi e morbidissimi pancakes, che non so per quale stranissimo motivo, non avevo mai cucinato.
La ricetta è di Sigrid, io ho apportato solo qualche piccola modifica: ho usato farina e zucchero bianchi, e  non ho messo i mirtilli nell’impasto.
La particolarità della ricetta è data dalla presenza del latticello, che poi sarebbe una via di mezzo tra il latte e lo yogurt, che a quanto ho scoperto (grazie Vale!) dona morbidezza a tutti gli impasti.
Io l’ho trovato nel banco frigo del supermercato, e ho preso questo.

5.0 from 1 reviews
Pancakes al latticello
 
Ingredients
  • 500 ml di latticello
  • 250 g di farina
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci
  • 2 uova
  • 60 ml di olio d'oliva
  • 2 cucchiai di zucchero
  • un pizzico di sale
  • burro q.b.
  • miele/sciroppo d'acero per servire
Instructions
  1. Mescolate in una ciotola la farina con lo zucchero, il sale e il lievito.
  2. In un’altra ciotola, capiente, sbattete le uova con l’olio e il latte fermentato.
  3. Incorporare la miscela secca, senza mescolare troppo.
  4. Scaldate una padella con un fiocchetto abbondante di burro, poi aiutandovi con un cucchiaio ponete dei mucchietti di pastella (io ho fatto cuocere tre pancakes da due cucchiai l'uno alla volta)
  5. Fate cuocere 2-3 minuti per lato a fuoco medio.
  6. Disponete i pancakes su un piatto, irrorate con miele o sciroppo d'acero e servite.

pancake2 940x626 Pancakes al latticello

banana frozen yogurt1 940x1410 Banana frozen yogurt

Se è vero che l’estate si sta inesorabilmente avvicinando (anche se il meteo degli ultimi giorni non mi sembra d’accordissimo), è ora anche di iniziare a pensare a qualche ricetta più fresca e leggera, con ingredienti di stagione,  e perché no anche che sia facile da preparare.
In questo periodo la frutta fresca è rientrata prepotentemente nella mia alimentazione, non so voi, ma io l’inverno ne mangio davvero pochissima…mentre più si avvicina il caldo, e più mi viene voglia di mangiarne.
Di solito la mangio a colazione,  a volte come spuntino e ogni tanto la infilo persino nei piatti principali.

La ricetta che voglio condividere oggi è  un frozen yogurt alle banane e frutta fresca, una delle mie merende preferite dell’ultimo periodo.
Si prepara davvero in pochissimo tempo, si può fare con qualsiasi tipo di frutta abbiate in casa (certo, le banane sono obbligatorie :)) e regala tanta soddisfazione.
È buono come un gelato, ma molto più leggero e nutriente, perché fatto solo di yogurt e frutta.
Insomma, vale la pena provarlo ;)

 

Banana frozen yogurt
 
Ingredients
  • 300 gr di banane
  • 500 gr di yogurt greco
  • 2-3 cucchiai di latte
  • i semi di mezza bacca di vaniglia
  • frutta fresca a piacere (cocco, lamponi, banane, mirtilli, fragole)
  • miele
  • menta fresca
Instructions
  1. Tagliate le banane a pezzetti, ponete in un recipente, aggiungete lo yogurt greco, i semi di vaniglia e il latte e frullate fino ad ottenere un composto omogeneo.
  2. Ponete in frigo per almeno 3-4 ore.
  3. Servite con frutta fresca a piacere, qualche cucchiaio di miele e della menta fresca.

 

crostata di crema e frutta 940x1410 Crostata alla crema e frutta fresca

Ci sono volte in cui mi ricordo di avere un blog e scrivo, scrivo, scrivo.
Poi invece ci sono tutte quelle volte in cui  cucino (tanto), fotografo (tanto), mangio (tanto), ma ahimè scrivo davvero poco.
Sogno giornate che durino più di 24 ore o che perlomeno non mi vedano rientrare la sera a casa con le energie sotto le scarpe, ma a volte stare un po’ lontana dal piccolo schermo male non fa, specialmente ora che le giornate durano di più e stare fuori anche solo a respirare aria buona (si va bè siamo pur sempre a Milano…) è già un piccolo lusso.
Detto questo, mi preparo già per le prossime piccole o grandi latitanze che vedrete su questo blog, ma sappiate che di cucinare non smetto :)
E se poi proprio non potete fare a meno di me, mi trovate più volte al giorno qui, qui o qui.
No stalker, sì foto di cibo su Instagram ore pasti. :)

Venendo però alla ricetta di oggi, che è quella per cui poi avete cliccato il link e vi ha portato fin qui, ecco, si tratta semplicemente di una crostata alla crema (crema e panna per la precisione) e frutta fresca.
Il dolce che ho preparato per il mio compleanno, ormai un mese fa.
Dopo anni e anni di pan di spagna con panna e fragole, avevo voglia di cambiare un po’, ma restando sempre su qualcosa di semplice e non troppo difficile da preparare.
Per questo ho preparato una base di pasta frolla, che ho poi riempito con della crema pasticcera, a cui avevo aggiunto della panna montata (PER ALLEGGERIRE, come si suol dire) e ho poi decorato il tutto con i miei amatissimi lamponi <3, pezzetti di cocco, more e fragole.

 

Crostata di crema e frutta
 
Ingredients
  • per la pasta frolla
  • 250 gr di farina 00
  • 125 gr di burro
  • 125 gr di zucchero
  • 2 tuorli
  • un pizzico di sale
  • la buccia grattuggiata di un limone non trattato
  • per la crema
  • 6 tuorli
  • 120 gr di zucchero
  • i semi di una bacca di vaniglia
  • 500 ml di latte
  • 50 gr di farina
  • 200 ml di panna fresca
  • per decorare
  • frutta fresca a piacere (fragole, lamponi, more, cocco...)
Instructions
  1. Per prima cosa disponete la farina a fontana, aggiungete il burro freddo tagliato a pezzetti e comiciate a impastare.
  2. Aggiungete poi la buccia di limone, lo zucchero, il sale e i tuorli e continuate ad impastare fino ad ottenere un composto omogeneo.
  3. Formate una palla, coprite con della pellicola e mettete in frigo.
  4. Nel frattempo preparate la crema: montate i tuorli con lo zucchero e la vaniglia fino a farle diventare bianche e spumose, aggiungete il latte a filo, e la farina setacciata.
  5. Ponete in un pentolino e fate cuocere a fuoco dolce fino ad ottenere una crema densa, mescolando continuamente.
  6. Fate raffreddare.
  7. Montate la panna, e una volta che la crema si è raffreddata, aggiungetela mescolando con una spatola dal basso verso l'alto.
  8. Ponete in frigo.
  9. Tirate la pasta frolla fuori dal frigo e stendela con il mattarello a uno spessore di circa 5 mm.
  10. Adagiatela in uno stampo a cerniera da 26 cm di diametro, bucherellate il fondo con una forchetta, rivestite con della carta forno e ponete dei legumi secchi all'interno, in modo da non far alzare la pasta in cottura.
  11. Cuocete in forno caldo a 180° per circa 15-20 minuti.
  12. Fate raffreddare completamente, versate la crema all'interno e decorate con la frutta fresca.
  13. Fate riposare in frigo fino al momento di servire.

 

pixel Crostata alla crema e frutta fresca
Load More
ga('send', 'pageview');

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD